Il Tour de France dalla Romagna a Bologna. Gli orari, il percorso, i punti dove seguire la corsa più famosa al mondo

Domenica 30 giugno 2024 è una giornata storica nel già ricco rapporto tra il territorio e lo sport.

La seconda tappa del Tour de France, la corsa di bici più famosa e seguita al mondo (è il terzo evento sportivo dopo Olimpiadi e Campionati del mondo di Calcio) partirà da Cesenatico e si concluderà a Bologna. In mezzo, lungo un percorso di 200 chilometri dalla Romagna all’Emilia, il passaggio a Faenza, Brisighella, Riolo Terme, l’autodromo di Imola, Toscanella di Dozza e Castel San Pietro Terme.

La tappa è dedicata alla memoria di Marco Pantani, l’indimenticato campione che proprio a Dozza aveva il suo quartiere generale quando indossava la maglia della Mercatone Uno, con cui ha raggiunto i risultati, come la doppietta Giro d’Italia e Tour de France del 1998, che lo hanno fatto entrare nell’olimpo dello sport e nel cuore dei tifosi.

Nella foto, la biglia-monumento dedicata a Marco Pantani e lo striscione di saluto al Tour de France sistemato davanti alla vecchia sede del Mercatone Uno di Romano Cenni, sponsor storico della squadra con cui il Pirata ha compiuto le sue più grandi imprese sportive.

È la prima volta che il Tour de France approda in Emilia-Romagna. Le tappe in Italia prima del trasferimento in Francia sono tre: la prima con partenza da Firenze e arrivo a Rimini, la seconda lungo la via Emilia e la terza che da Piacenza salirà a Torino.

 

I corridori arriveranno da Russi, percorrendo la Strada provinciale 302 raggiungerà Faenza (via Ravegnana), transiterà nel centro abitato e proseguirà in direzione Brisighella sempre sulla SP 302 (via Firenze). Dopo avere attraversato l’abitato di Brisighella la tappa proseguirà in direzione Riolo Terme percorrendo la SP 23 (viale Pascoli, via Rontana, via Calbane nel comune di Brisighella e via Limisano nel comune di Riolo Terme). Dopo avere percorso una parte di centro abitato la corsa proseguirà sulla SP 306 in direzione Casola Valsenio e al bivio con la SP 65 (via Gallisterna, via Caduti di Toranello) proseguirà su quest’ultima strada, percorrendo anche la strada comunale via Sabbioni per poi sconfinare nel comune di Imola.

L’arrivo in territorio imolese è previsto alle ore 14.47. I corridori entreranno nell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari alla curva Piratella e percorreranno quasi un giro di pista, nel suo senso di marcia, passando davanti ai box e uscendo da sotto la torre, per voltare sul ponte di viale Dante e percorrere tutto il viale per raggiungere viale Zappi, piazzale Bianconcini, viale Saffi, viale D’Agostino, viale Amendola, via Emilia Ponente, e proseguire con direzione Bologna.

Si arriverà quindi a Imola seguendo il percorso dei Campionati del mondo di ciclismo del 2020, affrontando anche la ormai mitica salita della Gallisterna, per concludersi poi nel capoluogo felsineo, dopo un percorso impegnativo che comprende due salite a San Luca.

Qui nel dettaglio il programma e gli orari dei vari passaggi.

Le attività all’autodromo

In autodromo sarà possibile trovare attività in attesa del passaggio della corsa, praticamente dalle 8 alle 16. La pista sarà aperta alle biciclette dalle ore 8 alle ore 11. Per girare in pista in bicicletta è obbligatorio l’uso del casco. Sempre dalle ore 8, Ciclistica Santerno, Uisp e Imola Triathlon organizzano un raduno autogestito, con partenza da piazza Senna, comprensivo di ristoro finale. Sempre le associazioni sportive organizzano, gratuitamente, un percorso bici per bambini, aperto a tutti.

Piazza Senna sarà animata con le proposte musicali di Radio Bruno, il negozio shop Autodromo, simulatori e attività di ristorazione in collaborazione con Carburo e Doppio Malto. L’Associazione velocipedisti eroici romagnoli proporrà una esposizione di rare bici da corsa storiche.

Dalle ore 13 sarà possibile entrare in autodromo e direttamente in pista, a piedi, e dirigersi lungo il percorso, ai lati della pista, per poter assistere al passaggio della gara direttamente dal tracciato. Le tribune centrali saranno aperte per chi vorrà vedere la gara anche sul maxischermo che proietterà le immagini della corsa in diretta.

La carovana e la chiusura delle strade

Il passaggio della carovana pubblicitaria è previsto circa 2 ore prima del transito dei concorrenti.

Su tutto il percorso la circolazione verrà interrotta dalle 10.30; nelle due salite principali il divieto di circolazione verrà anticipato: Monticino (dalle ore 7) e Gallisterna (dalla mezzanotte di sabato 29 giugno); qui sarà vietato il transito veicolare (eccetto residenti, mezzi di soccorso e di emergenza). La circolazione sarà ripristinata non prima di 15 minuti dopo il passaggio della carovana di gara.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *